Mappa del Salento

Per descrivere la mappa del Salento bisogna fare un operazione di astrazione ed immaginare la sua collocazione, guardando lo “stivale” formato dall’Italia all’interno del bacino Mediterraneo, coincidente con quello che si potrebbe definire come “il tacco” dello stivale.

fotografia-del-salento07

I confini geografici del territorio salentino vanno dall’estrema punta a sud di Capo Leuca, là dove si incontrano il Mar Ionio con il Mar Adriatico e si estendono verso nord fino a lambire le pendici dell’altopiano delle Murge a nord, già nella provincia di Brindisi, mentre ad ovest confina con le terre della provincia di Taranto.

Sebbene suddiviso tra tre provincie, Taranto Brindisi e Lecce è quest’ultima ed essere identificata con il vero capoluogo del Salento per la sua posizione, proprio nel cuore della sub-regione pugliese.

Idealmente, per tracciarne dei confini sulla mappa si potrebbe immaginare una linea che corre da Gallipoli sulla costa ionica e che tocca Otranto sulla costa adriatica, per circoscrivere, più o meno correttamente i confini geografici del Salento, al quale bisogna aggiungere, come facente parte del salento anche il territorio di Manduria, già in provincia di Taranto.

A sud della penisola salentina è presenta una bassa catena di colline, denominate Serre Salentine, la cui cima più alta non supera i 200 metri sul livello del mare. Le comunicazioni sono fornite da una rete di strade statali che congiungono il capoluogo Lecce a Brindisi risalendo a nord (SS613) ed a Taranto verso ovest (SS7TER). Verso sud si raggiunge Santa Maria di Leuca attraverso la SS16 e la SS275, mentre la comunicazione con Gallipoli passa attraverso la SS101. E’ presente anche una rete ferroviaria, che fino a lecce è cestita dalle ferrovie nazionali (Trenitalia) e poi prosegue lungo tratti ferroviari privati, (Ferrovie Sud Est). Gli aeroporti più vicini sono quelli di Brindisi e di Bari.

Affitto Salento

Il Salento è una splendida regione dove trascorrere non solo le proprie vacanze, ma anche altri momenti dell’anno, magari in occasione di qualche interessante celebrazione o festa popolare, come le incantevoli e suggestive processioni del periodo di Pasqua, la Settimana Santa, che in molti paesi salentini, come per esempio a Gallipoli è particolarmente affascinante per la grande partecipazione popolare. Da non mancare nemmeno le tante feste popolari, e le sagre paesane, che celebrano i meravigliosi prodotti della terra, il vino, l’olio, gli ortaggi e persino le lumachine come a Cannole.

fotografia-del-salento50

Uno dei modi migliori per trascorrere il periodo di permanenza in Salento è certamente quello di trovare un appartamento in affitto. I vantaggi di questo tipo di sistemazione sono notevoli, innanzitutto la grande autonomia per quanto riguarda lo spazio, e poi la presenza di servizi personali, lo spazio cucina se non si vuol essere obbligati ad uscire ogni sera a mangiar fuori, e se si desidera cucinare qualche pranzetto o cenetta sfiziosi, magari con i prodotti acquistati localmente.

Soprattutto negli ultimi 15 – 20 anni, da quando cioè l’industria turistica si è ampiamente sviluppata nel Salento grazie alle tante attrattive che sa offrire a chi la visita, le offerte di appartamenti in affitto sono cresciute, sia in numero che per la qualità dei servizi offerti.

Si possono scegliere come meta le più conosciute e frequentate località balneari e turistiche, oppure le splendide cittadine ricche di interessanti testimonianze storiche, artistiche ed architettoniche, ma si può anche optare per quei paesini più tranquilli, meno noti e frequentati, dove alla tranquillità della località si possono aggiungere la comodità di raggiungere in breve tempo i luoghi più interessanti da visitare, e magari si trovano interessanti proposte in fatto di rapporti qualità/prezzo.

Low cost Salento Grecia Croazia

Oggi è sempre più facile avere la possibilità di viaggiare. Il viaggio, la vacanza, il momento di distacco dal lavoro e dalle altre attività quotidiane è diventato assolutamente indispensabile e, soprattutto irrinunciabile. Tante sono le mete a propria disposizione per concedersi qualche giorno di ferie o anche, perchè no? Una lunga vacanza, ed il grande sviluppo delle compagnie aeree low cost ha considerevolmente aumentato la possibilità per la stragrande maggioranza dei viaggiatori di raggiungere mete che un tempo sarebbero state improponibili ed inavvicinabili soprattutto per i costi.

fotografia-del-salento29

Se una ventina di anni fa era normale soprattutto durante il periodo estivo vedere tanti giovani affollati nelle stazioni ferroviarie, in attesa del loro treno per recarsi in visita alle città d’arte italiane e straniere, oppure in qualche stupenda località balneare, oggi questa vivacità la ritroviamo, invece che nelle stazioni, negli aeroporti.

Le destinazioni? Un po’ tutte, almeno nell’ambito europeo.

Ma il top sono sicuramente quei luoghi che posseggono, nello stesso tempo, la bellezza delle coste e dei panorami naturalistici ma anche un ricco patrimonio artistico, ed anche interessanti e suggestive tradizioni popolari. Mete in questo senso ce ne sono proprio vicino a casa nostra, come per esempio, per chi vuol restare sul territorio italiano, il Salento, una stupenda terra da pochi anni riscoperta dai turisti, con città d’arte di assoluta bellezza ed un litorale splendido, che si può raggiungere con voli low cost che arrivano a Bari, da cui poi si prosegue con comode navette, in pullman o in treno fino a raggiungere se si vuole l’estrema punta di Capo Leuca. Come idea, tra le più gettonate mete europee per chi ama il mare, la Grecia, raggiungibile in tutte le sue località facendo scalo con un volo low cost ad Atene, o la Croazia, i cui maggiori aeroporti sono Dubrovnik, Spalato, Zara e Zagabria.

Sagre Salento

Sagre, fiere, celebrazioni, processioni e feste popolari sono un ingrediente essenziale ed imperdibile della cultura e delle attrattive che il Salento sa offrire a chi lo visita ed a chi vi si reca in vacanza.

fotografia-del-salento461
Ogni paese ed ogni cittadina, per grande o piccola che sia propone una sua particolare sagra, che di volta in volta è dedicata ai prodotti dell’agricoltura locale, alle risorse del territorio, all’artigianato o ancora a millenarie tradizioni popolari.
Olio e vino, pane ed ortaggi, formaggi e salumi, piatti tipici e dolci, persino le piccole lumachine hanno una festa o una sagra a loro dedicata. Un calendario di iniziative che non è stato pensato o realizzato per attrarre il turista ma che si è sviluppato grazie al profondo amore per la propria terra che contraddistingue i salentini.
Da quando il territorio salentino è diventato un’importante meta turistica questo nutrito calendario è diventato un motivo in più per amare e ad apprezzare il Salento.
Che siano organizzate per apprezzare del buon vino, il miele, un particolare formaggio o ancora un prezioso prodotto dell’artigianato le sagre sono condite dalla frenesia della festa a cui partecipa tutta la popolazione, che comprende solitamente anche musiche e balli, anche questi sovente di antica tradizione popolare come la famosa pizzica e dal suggestivo concerto delle bande musicali, che qui in Salento conservano intatta la loro funzione tradizionale. Immancabili nella serata e durante la notte gli spettacoli pirotecnici ed i fuochi d’artificio che illuminano la notte e chiudono nella maniera più spettacolare una giornata indimenticabile.

 

Qui un elenco di Sagre del Salento

Foto del Salento

Volessimo proporre un soggetto da immortalare in una foto che dia un’immagine precisa e giusta di quello che è il Salento avremmo tante difficoltà a scegliere quello ideale.

fotografia-del-salento54

Di sicuro la bellezza delle acque chiare e trasparenti che si adagiano pigramente e dolcemente sulle lunghe spiagge potrebbe rendere bene l’idea di quanto sia bello ed emozionante trascorrere una giornata al mare in Salento, per esempio il litorale gallipolino, la magnifica e solitaria Pescoluse, magari immortalata dalle dune candide e bianchissime che la ammantano come un abito di gran gala.

Idem se, al posto della spiaggia fotografassimo il panorama romantico e movimentato della scogliera, circondata dalla contorta sagoma dei pini marittimi e dal verde intenso della macchia mediterranea. Magari all’imbocco di qualche grotta, come alla Zinzulusa o alla Grotta del Ciolo, là dove le acque giocano tra mille cromatismi, dal verde all’azzurro, dal turchese al blu scuro.

Un’altra immagine evocativa che una foto del Salento potrebbe rappresentare è sicuramente quella di una torre costiera che ritta e silenziosa assolve ancora oggi la sua funzione di solitaria ed incorruttibile vedetta del mare, che porta benessere e ricchezza ma anche pericoli e morte. Un mare che da sempre è stato al centro delle popolazioni salentine, anche per quelle che più fuggivano da esso rifugiandosi nell’entroterra.

Anche lo splendido paesaggio rurale, un bell’ulivo che fa capolino tra la terra rossastra, circondato da un antico muretto a secco e con vicino un’antica pajara, rappresentano una bella sintesi significativa di quello che è il Salento: terra e passione, ingegno e forza, pazienza e devozione, ma soprattutto tanto amore per la propria terra.

Spiagge Salento

Il Salento si trova compreso tra il mare Adriatico ed il Mar Ionio, ed è solo negli ultimi 20 anni che la bellezza delle sue spiagge ha definitivamente conquistato il pubblico di vacanzieri, sia nazionale che internazionale.

fotografia-del-salento201

Piano piano questo ameno tratto costiero, che si sviluppa dal Golfo di Taranto fino a Capo Leuca per risalire ad est fino ad Otranto ed al Golfo di Manfredonia, è diventato sempre più apprezzato, complice la grande bellezza e pulizia del mare, che in qualche località da anni conquista ambiti premi come la Bandiera Blu europea, ed alle interminabili distese di sabbia dorata o bianchissima che si estendono soprattutto nel versante ionico, ma che non mancano nemmeno sul versante adriatico risalendo verso il nord di Otranto.

Dal Golfo di Taranto, scendendo verso sud la prima grande spiaggia che si incontra è quella di Porto Cesareo, un panorama magnifico di spiaggia sulla quale si affaccia un vero e proprio paradiso di sabbia e vegetazione, l’Isola dei Conigli. Più a sud, dopo un lungo tratto roccioso da Santa Maria al Bagno e Santa Caterina troviamo le spiagge del litorale di Gallipoli, belle, incontaminate e rinomate, come Rivabella, Lido Conchiglie, e la splendida Baia Verde con le acque color smeraldo.

Ancora più a sud da ricordare le belle marine di Ugento e di Salve, tra le quali è necessario citare una tra le spiagge più famose, Pescoluse: 8 chilometri di spiaggia contornata da dune, una località che lascia esterrefatti per bellezza e candore.

Passata la piccola spiaggia della Marina di Torre Vado la costa si fa aspra e rocciosa, e le prime spiagge che si incontreranno una volta doppiato Capo Leuca sul versante adriatico saranno da ricercare come gioielli incastonati tra gli scogli, come le piccole ma non per questo meno attraenti insenature nei pressi di Porto Badisco.

Più a nord, oltre Otranto un panorama bellissimo è offerto dalle spiagge di sabbia bianca dei Laghi Alimini, un paradiso naturalistico, di Torre dell’Orso e di San Foca.

Torre Pali

Torre Pali è forse una tra le più conosciute e rinomate tra le Marine di Salve, una serie di località balneari e turistiche di indubbio fascino che si affacciano sulla costa ionica del Salento a pochi chilometri di distanza dall’estrema punta di Capo Leuca.

fotografia-del-salento43

La località è chiamata così per la presenza di una delle tante torri costiere che caratterizzano i litorali del Sud Italia, un tempo funestati dalle ricorrenti scorrerie di turchi, pirati e saraceni che dal mare approdavano sulla costa per portare distruzione e morte.

La torre, un tempo doveva essere veramente maestosa, ma oggi, a causa della furia degli elementi è in parte diroccata, e sorge nel bel mezzo del mare, a circa 20 metri dalla costa proprio davanti alle spiagge.

Si tratta di una località particolarmente mondana e frequentata, l’ideale per chi desidera trascorrere le giornate in spiaggia attorniato dai servizi necessari al massimo della comodità, come le stazioni balneari dove si possono affittare sedie sdraio, lettini ed ombrelloni, la possibilità di noleggiare attrezzature per gli sport d’acqua, ed i punti di ristori e di ristorazione dove ristorarsi tra un bagno e l’altro.

Le acque sono splendide, limpide e pulite, ed i fondali sabbiosi digradano dolcemente, permettendo quindi anche ai nuotatori meno esperti ed ai bambini di divertirsi tuffarsi e nuotare in tutta sicurezza. Per chi cerca un po’ di solitudine poco distante c’è la immensa distesa di sabbia di Pescoluse, mentre gli appassionati di immersioni e di fondali marini troveranno di che soddisfare la loro passione tra le secche che si estendono davanti al litorale di Torre Mozza.

Ville Salento

E’ una delle tradizioni che forse rispecchiano al meglio l’antichissima vocazione del Salento per la villeggiatura ed il piacere della vacanza. In questo angolo di paradiso all’estremo sud della penisola italiana, circondato dallo splendore dei mari Adriatico e Ionio, già in antichità c’era chi sceglieva il Salento come luogo in cui trascorrere una stagione, se non tutta la propria esistenza.

fotografia-del-salento051

La bellezza del territorio e del mare era particolarmente apprezzata anche grazie allo splendido clima che si poteva godere, in particolare in alcune località del Salento, come per esempio la Valle della Cupa intorno a Lecce, o l’entroterra gallipolino tra Sannicola ed Alezio, o ancora il bel litorale di Santa Maria di Leuca.

Di tale tradizione restano intatta testimonianza le sontuose ville di Leuca, con le loro bizzarre ed originali architetture, i “casini”, le ville di campagna, cinte da mura e rigogliose di maestosi ed eleganti giardini profumati, luoghi dove l’aristocrazia e l’alta borghesia salentina già addirittura dal ‘600 si recava per trovare pace e relax in mezzo alla natura rigogliosa ed al clima piacevolmente rinfrescato dalla brezza marina e dall’ombra degli olivi secolari.

Anche oggi uno dei modi più piacevoli di trascorrere qualche settimana o qualche giorno in Salento è proprio quello di trovare una bella villa, tra le tante offerte che propongono agenzie turistiche tour operator ma anche i privati.

Non certo per ricercare sfarzo e lusso, ma per le tante comodità che una villetta può offrire, tra le quali l’opportunità di avere uno spazio esclusivo e privato, e la possibilità di vivere in totale autonomia la giornata, rispetto ad orari, spostamenti ed attività.

Pescoluse

Pescoluse è sicuramente una delle prime località che vi verranno citate quando vi descriveranno il mare salentino, soprattutto dei litorali del mar Ionio. Questo perchè Pescoluse, che si trova ai confini con la marina di Torre Vado, e che si estende per circa 8 chilometri fino a raggiungere Torre Pali, la prima delle Marine di Salve, è una delle più rinomate località balneari per chi è appassionato del mare.

fotografia-del-salento20

La sua bellezza è dovuta ad una serie di fattori, innanzitutto la distesa di sabbia veramente sconfinata ed interminabile, la quale offre sensazioni e viste panoramiche analoghe a quelle delle più rinomate e conosciute località tropicali (da qui deriva proprio il soprannome che identifica la spiaggia: le Maldive del Salento), poi la pulizia e la limpidezza del mare in questo tratto di costa, cristallino e trasparente.

Intorno alla distesa di sabbia, a separare questo angolo di paradiso dall’entroterra un’immacolata fila di dune, alcune altissime, sulle quali crescono rigogliosi i tipici arbusti ed i profumati cespugli della macchia mediterranea, la salvia, il mirto, il rosmarino e persino una specie, rarissima in altre località, di fiore, il giglio delle dune, che in primavera allieta la vista con il candore dei suoi petali bianchi.

Sebbene sia così conosciuta e famosa la spiaggia regala angolini che faranno la gioia di coloro che al grande affollamento delle spiagge attrezzate preferiscono la solitudine la calma ed il relax. Per chi lo desidera alle spalle del litorale si trova anche un agglomerato urbano fatto di case ed appartamenti, molti dei quali disponibili per essere affittati durante la stagione estiva.

Rally del Salento

In uno splendido panorama come quello salentino anche gli appassionati di automobili si sono dedicati e ritagliati un loro spazio per sfrecciare sulle quattro ruote tra le magnifiche strade salentine. Da ben 43 anni infatti, e cioè dal lontano 1957 la competizione Rally del Salento è una delle gare che fanno parte del Campionato Italiano di Rally e di altre competizioni a premi, tra le quali, recentemente, anche della Coppa Europea di Rally.

Vista la bellezza del paesaggio, la competizione che vede sfidarsi in gara campioni di fama nazionale ed internazionale, è un grande richiamo in termini di pubblico, ed ogni anno sono sempre di più gli appassionati che si affollano lungo le strade dove veloci passano i bolidi.

L’ambiente è quello tipico del Salento, strade che si inerpicano tra le basse colline delle Serre Salentine, che sfiorano i millenari muretti a secco e che si immergono nel verdeggiare degli ulivi secolari, che per un giorno sembrano sopportare di buon grado il rombare dei motori e tutta la confusione ed il tramestio che sono venuti a turbare l’olimpica calma che solitamente impera nella campagna, rotta solo dal ronzio degli insetti, dal frinire delle cicale e dal cinguettio degli uccelli.

Per i piloti si tratta di una competizione non facile, le stradine di campagna sono strette e tortuose, sovente riservano difficoltà e sorprese a non finire, curve a gomito, salite e discese repentine che mettono a dura prova anche il più esperto ed il più veterano tra i guidatori.