Ostuni Salento

Ostuni, anche soprannominata “la città bianca” è uno delle mete più frequentate dai turisti che si recano in Salento. Il perchè è presto detto: l’unicità di questo borgo imbiancato a calce arroccato sulla collina è assolutamente imperdibile, sia per i monumenti splendidi che racchiude sia per il bellissimo centro storico medievale che offre incantevoli scorci a chi lo visita ed a chi vi si aggira.

fotografia-del-salento01

E’ una di quelle località che esprimono al meglio i tratti così caratteristici della storia della cultura e della tradizione salentina un’architettura ed un urbanistica che diventano viva testimonianza della bellezza ed incanto del Salento.

Già approssimandosi alla cittadina si percepisce l’incanto di questo grappolo di case bianchissime che svetta su tre colline a pochi chilometri dalla costa, ma una volta entrati nel cuore del borgo cittadino il miracolo e la suggestione diventano ancora più grandi. Contributo dell’intricato vicolo di stradine, un vero e proprio labirinto sul quale gli edifici si alzano, austeri ed altissimi, creando quella fresca penombra che è uno dei tratti caratteristici delle cittadine sviluppatesi in epoca medievale.

Di particolare interesse i monumenti storici, risalenti al periodo di maggior splendore della cittadina, l’epoca del tardo medioevo e rinascimento, come la maestosa Cattedrale che svetta sul culmine della collina dominando il borgo, elegante esempio di architettura gotica, la Chiesa di San Francesco d’Assisi, la Chiesa dello Spirito Santo, la Chiesa di San Giacomo di Compostela.

Non mancano interessanti testimonianze del periodo barocco, quando Ostuni, diventato un centro agricolo di importanza strategica, rifiorirà ulteriormente, tra questi il Monastero delle Carmelitane, e la vicina Chiesa di San Vito Martire.