Torre Vado

Torre Vado è una piccola marina che si trova sulla costa ionica del Salento. Una località un tempo abitata da pescatori ed agricoltori non molto conosciuta in pochi ani cresciuta e diventata una delle mete più frequentate da coloro che si recano in vacanza o in visita in Salento.

Torre Vado
Torre Vado

I segreti del successo e dello sviluppo di questo piccolo borgo sono essenzialmente da ricercarsi nella sua posizione geografica, a poca distanza dalle più interessanti e splendide località balneari del Salento, tra le quali le belle marine di Salve e di Ugento, Pescoluse o il litorale di Capo Leuca, e dalle maggiori attrazioni di carattere culturale storico ed architettonico del territorio salentino, città come Lecce, come Santa Maria di Leuca, come Nardò, o Gallipoli, sono infatti raggiungibili comodamente da Torre Vado in escursioni giornaliere.

Dominata da una delle tante torri costiere che contraddistinguono la costa salentina, un’imponente bastione in perfette condizioni grazie anche a recenti lavori di ristrutturazione, Torre Vado offre ai suoi visitatori scorci interessanti nella sua marina, dove la spiaggia accoglie gli appassionati del mare, nel porticciolo, uno dei più importanti ed in via di sviluppo dell’area intorno a Capo Leuca, che pian piano sta allargando le sue potenzialità di accoglienza delle imbarcazioni da diporto che navigano luno la costa salentina, e nei dintorni, che siano le confinanti spiagge di Pescoluse, di Torre Pali e di Torre Mozza, che siano i dolci paesi dell’entroterra dalla storia antichissima, come Ugento con le sue testimonianze dell’antica civiltà messapica, Salve con il suo patrimonio archeologico, e Patù.

Pescoluse

Pescoluse è sicuramente una delle prime località che vi verranno citate quando vi descriveranno il mare salentino, soprattutto dei litorali del mar Ionio. Questo perchè Pescoluse, che si trova ai confini con la marina di Torre Vado, e che si estende per circa 8 chilometri fino a raggiungere Torre Pali, la prima delle Marine di Salve, è una delle più rinomate località balneari per chi è appassionato del mare.

fotografia-del-salento20

La sua bellezza è dovuta ad una serie di fattori, innanzitutto la distesa di sabbia veramente sconfinata ed interminabile, la quale offre sensazioni e viste panoramiche analoghe a quelle delle più rinomate e conosciute località tropicali (da qui deriva proprio il soprannome che identifica la spiaggia: le Maldive del Salento), poi la pulizia e la limpidezza del mare in questo tratto di costa, cristallino e trasparente.

Intorno alla distesa di sabbia, a separare questo angolo di paradiso dall’entroterra un’immacolata fila di dune, alcune altissime, sulle quali crescono rigogliosi i tipici arbusti ed i profumati cespugli della macchia mediterranea, la salvia, il mirto, il rosmarino e persino una specie, rarissima in altre località, di fiore, il giglio delle dune, che in primavera allieta la vista con il candore dei suoi petali bianchi.

Sebbene sia così conosciuta e famosa la spiaggia regala angolini che faranno la gioia di coloro che al grande affollamento delle spiagge attrezzate preferiscono la solitudine la calma ed il relax. Per chi lo desidera alle spalle del litorale si trova anche un agglomerato urbano fatto di case ed appartamenti, molti dei quali disponibili per essere affittati durante la stagione estiva.

Mare del Salento

Sicuramente uno dei migliori motivi, anche se non l’unico per visitare il Salento è lo splendido mare che lo circonda. A sub regione pugliese che si trovva all’estremo sud est del territorio italiano è circondata da un lato dal Mare Adriatico e dall’atro, verso ovest, dal Mar Ionio. La costa è altamente variegata per la sua conformazione, che può essere di alte pareti rocciose oppure di morbide e lunghe spiagge.

fotografia-del-salento16

Il mare del Salento

Nell’area intorno ad Otranto per esempio, ed in tutta la costa che si affaccia in territorio salentino verso l’Adriatico infatti è molto più facile incontrare una costa frastagliata e rocciosa, se si escludono quei tratti sabbiosi a nord della splendida cittadina, come nella zona dei Laghi Alimini, e a nord a San Cataldo, o nelle piccole insenature a sud, intorno a Porto Badisco. Da qui, ridiscendendo lungo la costa fino a raggiungere Santa Maria di Leuca, se si esclude la grande spiaggia dominata da Torre Sant’Emiliano è tutto un susseguirsi di splendide coste rocciose: Santa Cesarea, Castro, Tricase, sono tra le località più note e frequentate dagli estimatori di questa tipologia di costa, così come Marina di Serra e Marina Marittima sempre dirigendosi verso sud.

Capo Leuca rappresenta forse il top per la bellezza dei panorami litoranei, ulteriormente impreziosita dalla maestosa bellezza dei gioielli incastonati tre le rocce, le stupende e suggestive grotte che si affacciano sul mare limpido e dalle varietà cromatiche infinite, dal profondo blu ad un ammaliante turchese.

Nella costa ionica, dopo Torre Vado il panorama si fa più morbido, cominciano le lunghe distese di sabbia, alcune celebri come Pescoluse, che senza sosta, passando dalle Marine di Salve, a quelle di Ugento, si estendono fino alla trionfale serie di spiagge che contraddistinguono il litorale di Gallipoli. Anche qui un mare limpido e cristallino che invita i bagnanti a perdersi tra le sue spume.

Baia dei Turchi

Nell’area dei Laghi Alimini, una delle zone più incantevoli della costa intorno ad Otranto, che si trova pochi chilometri più a sud, si possono trovare incantevoli spiagge dove trascorrere qualche giornata all’insegna del piacere di mare limpido pulito e cristallino immerso tra il verdeggiare della natura incontaminata.

fotografia-del-salento08

Tra le più conosciute, rinomate e famose sicuramente spicca la Baia dei Turchi, chiamata così perchè, vuole la leggenda, fu proprio su queste spiagge che, nel 1480, sarebbero approdate le navi turche dalle quali sarebbe poi partito il drammatico assedio alla città di Otranto, conclusosi drammaticamente per gli abitanti della cittadina con più di 800 morti e centinaia di persone vendute come schiavi, nonché la quasi totale distruzione della città.

La spiaggia è formata da una lunga striscia di sabbia che si estende circondata da bastioni di terra e roccia appena alle spalle, ricoperti da una splendida e verdeggiante vegetazione costituita per lo più di macchia mediterranea.

Il fondale digrada dolcemente verso il fondo, ed ogni tanto, lungo la linea costiera, degli scogli affioranti tra i fondali sabbiosi ed il mare movimentano con la loro presenza il paesaggio. L’acqua è limpida e cristallina, l’ideale anche per chi è appassionato di immersioni che potrà avventurarsi lungo la linea scogliera che si estende a nord ed a sud della spiaggia. Pur essendo all’interno della zona protetta, la Baia dei Turchi offre anche tratti di spiaggia attrezzata per coloro che anche al mare non vogliono rinunciare ad alcune comodità come l’ombrellone, le sdraio ed i lettini.